Artigianato

Montefiffi

La regione Emilia Romagna dal punto di vista socio-antropologico e anche cultural-gastronomico è divisa in Emilia coi suoi sapori più ricchi e ricercati che vanno dal mitico Culatello di Zibello alla mortadella Bologna, al Prosciutto di Parma, al Parmigiano Reggiano e Grana Padano

Leggi tutto →

L'artigianato di Maniago

Non sono molti in Italia i siti ove rintracciare artigiani del ferro battuto e soprattutto dell'applicazione di quest'arte nella fabbricazione di lame, coltelli e utensili da lavoro e cucina. Oggi, l'industria offre prezzi certamente più vantaggiosi dell'artigianato locale ma sicuramente l'acquisto non garantisce durevolezza e qualità come quello fatto a mano (o comunque non in serie).

Leggi tutto →

Il cotto dell'Impruneta

Il nome di Impruneta deriva da "in prunetis" o "in pinetis". La sua storia risale all'epoca etrusca come testimoniano i reperti archeologici rinvenuti in loco a partire dal 1400. Questi, infatti dimostrano che le origini del sito si riferiscono ad un insediamento sorto alla fine del VII secolo a.C. Al VI secolo a.C. sono da ricondurre invece le testimonianze (come ad esempio vasi di bucchero con formule dedicatorie) che ci riferiscono di un luogo di culto, edificato ad Impruneta, che nel IV sec. a.C. si svilupperà considerevolmente.

Leggi tutto →

I coltelli sardi di Pattada

In rare occasioni capita di identificare un luogo con il prodotto per antonomasia che lì e soltanto lì viene confezionato. PATTADA è uno di questi luoghi e l'intera isola di Sardegna può vantare un primato pressoché assoluto nella fabbricazione dei coltelli grazie alle prodigiose mani di "frailalzos" (i fabbri) di PATTADA. Da anni infatti gli artigiani del luogo, poco più di una decina, combattono una battaglia impari contro chi si è appropriato indebitamente del nome, facendo passare per "modello Pattada" un coltello che ne è soltanto una pallida imitazione, e che soprattutto non ha alle spalle la tradizione secolare di quelli veri.

Leggi tutto →