Prodotti tipici

Il Limone di Sorrento IGP

La nostra bella Italia è ricca di sapori, colori, odori di prodotti e ricette da Nord a Sud dello stivale. Tuttavia, in alcuni siti sembrano concentrarsi maggiormente, nel raggio di pochi chilometri, i prodotti più svariati, offrendo così non solo un valore aggiunto agli abitanti – nel proprio territorio di appartenenza – ma anche un attrattiva unica per turisti che ricorderanno sempre, di ritorno a casa, le mille suggestioni percepite durante la loro permanenza.

Quindi non riporteranno solo "trofei fotografici" e informazioni sulla storia del luogo ma ricordi indelebili di percezioni uniche e irripetibili (sapori, odori e colori).

 Uno di questi siti di concentrata ricchezza enogastronomica è quella protuberanza che dal Golfo di Napoli raggiunge l’isola di Capri sfoggiando scogliere e agglomerati urbani a picco sul mare fra cui i centri costieri di Positano, Amalfi, Sorrento e quelli dell’entroterra: Massalubrense e Sant’Agata sui due Golfi.

LIMONE DI SORRENTO IGP 

L’origine del limone di Sorrento sembra risalire addirittura ai Romani come è testimoniato da numerosi dipinti e mosaici rinvenuti negli scavi di Pompei ed Ercolano in cui sono raffigurati limoni molto simili agli attuali "ovali sorrentini".

Le più importanti e frequenti testimonianze scritte sulla presenza di limoni nella zona sorrentina risalgono comunque all’epoca rinascimentale. Scritti e dipinti importanti ci tramandano informazioni sull’utilizzo dei limoni per gli usi più vari. Tra queste testimonianze si registrano firme importanti di noti indigeni del passato: Torquato Tasso e Giambattista della Porta sono fra questi. 

Bonaventura da Sorrento è invece colui che testimonia l’esportazione dell’ "ovale" in America già nell’800. La severa selezione, la cura e le capacità dei produttori locali hanno fatto sì che il prodotto sia giunto a noi con tutto il suo splendore, odore e sapore intenso ed unico. 

Il loro impegno ha fatto sì che pure l’occhio umano venisse soddisfatto, creando così giardini pensili e terrazzamenti presenti in modo particolare in questa penisola sorrentina.

Le fattezze 

Il limone di Sorrento è un frutto medio, di forma ellittica con polpa dal colore giallo paglierino il cui abbondante succo, di elevata acidità, ricco di Vitamina C e sali minerali.

La scorza di colore giallo intenso è di medio spessore, molto profumata per la presenza di oli essenziali. Queste peculiari caratteristiche qualitative ne fanno un prodotto di eccellenza nella sua categoria, sia per il commercio del prodotto fresco che per la produzione del famoso "limoncello", infuso di bucce di limone immerse in alcool puro e che proprio in quest’area rappresenta uno strumento per l’indotto economico locale.

Solo quello fatto ad arte con veri limoni della costiera, non trattati chimicamente è il vero limoncello. Il Limone di Sorrento IGP è presente tutto l’anno ma è dalla produzione estiva effettuata sulle note "pagliarelle" che rende originale e prezioso questo frutto.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.