Prodotti tipici

Il peperone corno di bue di Carmagnola

"Ché la mia vita io voglio dar, ma in campo, per nobil causa, e con onor, non preso nella rete de’ vili."

(Cfr. Il Conte di Carmagnola, tragedia in Tre Atti di Alessandro Manzoni)

Un "conte" in terra piemontese

Carmagnola, patria regionale, incontestata del prodotto in questione, esistono quattro varietà di peperone:

Il Quadrato (un cubo con 4 punte)
Il Corno o Lungo (cono allungato)
Il Trottola (simile a un cuore)
Il Tomaticot (ibrido tondeggiante schiacciato ai poli come un pomodoro)

Il Lungo, detto anche Corno di Bue è l’oggetto delle nostre attenzioni. È un frutto dell’orto dai colori splendidi (giallo intenso o rosso vivace) e una forma a cono molto allungata (20 cm e oltre) con tre o quattro lobi).

Richiede un terreno pianeggiante, limoso e sabbioso. Si semina da fine dicembre fino ai primi di Aprile. I trapianti sotto tunnel iniziano i primi di febbraio mentre per il pieno campo occorre aspettare fino a maggio. Si concima con letame di vacca. A partire dalla fine di Luglio si cominciano a raccogliere i primi frutti maturi manualmente con sacco in spalla. 

Il peperone Corno di Bue non ha mai rischiato l’estinzione ma mescolato ad altre varietà importate apolidi ha rischiato l’anonimato tra le scatolette delle multinazionali nella grande distribuzione. Il Peperone Corno di Carmagnola è dolce al palato, dipolpa spessa, consistente e carnosa e che migliora con la conservazione.

La "morte migliore" di questo prodotto è il condimento con abbondante olio extravergine di oliva o con la locale e imperitura bagna cauda. Il peperone Corno di Bue è buono comunque anche in forno o scottato alla fiamma anche per la facile eliminazione della membrana esterna.

Senza contravvenire alla stagionalità del prodotto si può conservare sott’olio, sott’aceto o come tradizione vuole: sota rapa (sotto le vinacce).

L’area di produzione comprende i comuni di Candiolo, Cambiano, Carignano, Carmagnola, Castagnole Piemonte, Cercenasco, Chieri, Isolabella, La Loggia, Lombriasco, Moncalieri, Nichelino, Osasio, Pancalieri, Piobesi Torinese, Poirino, Pralormo, Riva presso Chieri, Santona, Scalenghe, Trofarello, Vigone, Villafranca Piemonte, Villastellone, Vinovo, Virle (provincia di Torino), comuni di Caramagna Piemonte, Casalgrasso, Cavallerleone, Ceresole d’Alba, Faule, Morello, Polonghera, Racconigi, Sommariva del Bosco (Provincia di Cuneo).